ICONICS ELEMENTS: Abbiamo mantenuto gli elementi identificativi della Laser: la pinna sotto la scatola movimento, i raccordi dei nodi ed il passaggio della ruota posteriore ricavato nel tubo sella. Un apposito coperchietto in alluminio anodizzato posizionato sotto la pinna della scatola movimento consente un facile accesso per il passaggio dei cavi del cambio.

 

CNC DROPOUTS: I forcellini posteriori intercambiabili a sandwich in alluminio CNC avvolgono e proteggono la parte centrale in carbonio totalmente integrata nel carro posteriore.

 

MECHANICAL & ELECTRONIC: Il passaggio dei cavi è completamente interno sia per i gruppi meccanici che elettronici. Sterzo 1-1/8” e scatola movimento BSA.

1
1

Info

Laser Cinelli rappresenta fin dal 1981 l’apice dei telai su misura italiani, vincendo più medaglie d’oro Olimpiche e mondiali su pista e record dell’ora di squadra di ogni altra bicicletta nella storia dello sport.

Il nuovo Laser Mia è il primo Laser Cinelli in fibra di carbonio reso disponibile al pubblico. Frutto del lavoro del Team originale del progetto Laser, è 100% Made in Italy e coniuga la tecnologia dei materiali avant garde e i metodi magistrali di costruzione artigianale, che nessuna produzione massiva può imitare.

Come per ogni altro telaio Laser che ha preceduto Laser Mia, il cuore della sua innovativa performance risiede nella radicale ricostruzione della zona della scatola del movimento centrale, che consente di produrre un telaio con le distintive qualità di rigidezza e reattività del Laser, a un peso decisamente inferiore (980 g) rispetto a tutti gli altri telai in carbonio attualmente sul mercato.

ENDURANCE

CLIMB

CRITERIUM

GRAVEL

Descrizione

Taglie (c-f) / Sizes
48 to 62 (1 cm) - Made to Measure
Telaio / frame
High Modulus Carbon Fibre
Serie sterzo / headset
IS 42/28,6 | IS 42/30
Reggisella / Seat Post
Ø 27,2mm
Stringisella / Seat Clamp
Ø 31,8mm
Scatola movimento / BB standard
BSA 68mm
Deragliatore Anteriore / Ft. derailleur
Braze-On
Passaggio cavi / Cable routing
Internal - Di2/EPS compatible
Colore / Color
Azzurro Laser
Passaggio ruota / Tire clearance
up to 700x25c
Forcella / Fork
CINELLI Laser Monocoque 1-1/8"
Peso / Weight
Frame 980 g (size 52, with fittings)/ Fork 380g (uncut)
Standard freni / Brakes standard
Standard road caliper
Interasse mozzi/Hub spacing
Front QR 100mm Rear QR 130mm
Frame Kit/Kit Telaio
Frame / Fork / Laser fin cable plate / Di2-EPS inserts
Caratteristiche/Features
Laser Frame / Made to measure Carbon

Geometrie

 484950515253545556575859606162
S1500510520530540550560570580590600610620630640
S480490500510520530540550560570580590600610620
T1510515520525530535545555560565570580590600605
T504509514518523527536541546555560570579588592
Head Tube95100110120130140150160170185190200210220225
71,57272,572.5737373737373737373,573,574
74,574,574,374,27473,573,573,573,57373737372,572,5
R454545454545454545454545454545
C405405405405405405405405405405405405405405405
F567568569572572575580585590595600610614618618
WB9619629649679679709759809859909951005100910131013
E707070707070707070707070707070
Fork368368368368368368368368368368368368368368368
St. Ov.733743753762772781790799809818827837847855865
Stack495501512522533543552562571581591600611621628
Reach373376378378379380381384386387389397403404407

La prima Laser (1981) venne concepita da uno schizzo di Antonio Colombo ispirato alle prime biciclette aerodinamiche francesi viste ad una fiera in Giappone. La complessa realizzazione del telaio fu resa possibile dalle nuove sinergie tra Cinelli e Columbus, produttore di tubazioni acquisito da Colombo nel 1979.

Fu solo nel tardo 1982, quando vennero commissionati a Cinelli quattro telai Laser per la Nazionale Italiana Junior, che il “Laser Team” (formato dal telaista Andrea Pesenti, l’ingegnere di Columbus Paolo Erzegovesi, Antonio Colombo e altri collaboratori) iniziò a sviluppare quell’approccio filosofico alla produzione che avrebbe reso la Laser una vera e propria leggenda degli anni ‘80 e ’90.

L’innovativo utilizzo della saldatura TIG (fino ad allora sconosciuta al mondo delle biciclette da corsa), insieme all’applicazione dei “fazzoletti” di rinforzo saldati ai punti di congiunzione del telaio, permise un radicale riposizionamento della scatola movimento.

Il riposizionamento della scatola movimento permise a Cinelli di renderla sensibilmente più rigida, oltre che di accorciare il passo della bicicletta, con evidenti vantaggi (incluso un deciso accorciamento del treno totale nelle cronometro di squadra). Quest’innovazione produttiva anticipò di molto una delle caratteristiche più importanti delle moderne biciclette in fibra di carbonio, e resta tutt’oggi alla base del design della Laser Mia.